2 giugno 2019

Comitato promotore per la modifica della Legge Elettorale

MAGGIORANZA

6.105 voti
35 consiglieri

OPPOSIZIONE

12.301 voti
25 consiglieri

ti senti

RAPPRESENTATO?

Cosa accade oggi

Con il Ballottaggio, forze politiche poco rappresentative possono tentare  il “colpaccio”: attraverso alleanze strategiche, magari consumate durante la legislatura  in corso e con il favore di un momento, guadagnare la maggioranza in Consiglio senza essere maggioranza nel paese. 
Questo sistema favorisce il “riciclo” di partiti  e di politici,altrimenti condannati al flop elettorale, in nuove coalizioni, offrendogli  la possibilità di arrivare a governare di nuovo. 

I veri ballottini sono questi!

Cosa accadrà domani

I partiti, come accade ora, potranno presentarsi alle elezioni in coalizioni o decidere di correre da soli.
Comunque vada,  ogni  forza  politica  avrà,  attraverso l’assegnazione proporzionale dei seggi, il suo peso politico reale in Consiglio.
Dopo il primo turno, se nessuna delle forze politiche in campo, come coalizione o come lista, avrà raggiunto il 50% +1, le stesse forze potranno formare una maggioranza, anche di larghe intese, forti di ciò che rappresentano proporzionalmente ed in base all’affinità dei programmi.

Nessun ballottino

In democrazia deve vincere la capacità di cercare nelle decisioni la massima partecipazione!

Il quesito… la scheda per votare:

“Volete voi che nella Legge Qualificata 11 maggio 2007 n. 1 (LEGGE ELETTORALE) siano introdotte le seguenti modifiche: che, nel caso in cui nessuna coalizione o lista abbia raggiunto al primo turno il risultato da cui la legge qualificata fa dipendere
la proclamazione del vincitore delle elezioni, la Reggenza conferisca alla coalizione o lista che abbia raggiunto
la maggioranza relativa dei voti un mandato di 15 giorni al fine di formare
una maggioranza attraverso l’accordo con altra lista o coalizione che abbia ottenuto seggi nel Consiglio Grande e Generale; che, nel caso il primo tentativo abbia esito negativo, la Reggenza conferisca
un secondo mandato, con le stesse finalità
e le stesse modalità del precedente, alla coalizione o lista che sia arrivata seconda nella consultazione elettorale; che qualora anche il secondo tentativo abbia esito negativo, si debba tornare al voto con
il ballottaggio fra le due coalizioni o liste maggiormente votate, come prevede l’attuale normativa e con le conseguenze da essa contemplate.”

La scheda Azzurra

Trattandosi di un REFERENDUM PROPOSITIVO se pensi che il quesito debba essere accolto devi contassegnare la casella SI con la matita.

Per poter esercitare il tuo diritto di voto, ricordati di presentarti alle urne con un documento Sammarinese, anche scaduto e la scheda elettorale che riceverai a casa.

Informati e scegli

Raccogli le informazioni ed il 2 giugno scegli la rappresentatività.

Perchè votare SI spiegato semplice

  Con una semplice animazione vi spieghiamo il Referendum del 2 Giugno.  

Read more
Maggio 29, 2019 0

William Casali risponde

Anche William Casali risponde ad alcune domande comuni relative al quesito del 2 Giugno. Tre semplici Domande brevi che possono aiutarti a comprendere meglio perchè secondo noi è molto importante[…]

Read more
Maggio 27, 2019 0

Quattro domande ad Alice

  Iniziamo con una prima serie di domande e risposte per aiutarti a capire il quesito referendario del 2 Giugno relativo alla modifica dell’attuale Legge Elettorale. Alle prime quattro domande[…]

Read more
Maggio 26, 2019 0